top of page

La leggenda del sacro del Myanmar

C'era una volta, in Birmania, sul versante dei Monti Lugh, il tempio di Lao-Tsun. Questo luogo sacro ospitava religiosi di cui il santissimo, il venerabile kittah di nome Mun-Ha, viveva nel digiuno e nella contemplazione della dea d'oro dagli occhi di zaffiro, il preziosissimo Tsun-Kianksé. Dea della reincarnazione, ha guidato le anime nel loro viaggio tra il corpo di un uomo e quello di un animale, fino alla purificazione finale. Vicino a Mun-Ha meditava il suo gatto Sinh, capo dei cento gatti sacri del tempio. Erano tutti bianchi di corpo, ma i loro volti, le loro zampe e le loro code, segnate dall'impurità del suolo, avevano il colore della terra.
Il luogo santo era pacifico. Ma una notte maledetta, i thailandesi nemici vennero ad invadere il tempio di Lao-Tsun e ad uccidere i religiosi.
All'avvicinarsi di questi malvagi, il venerabile Mun-Ha morì, in preghiera. Tra gli altri santi regnava la costernazione; privati della loro guida, non resistevano più ed erano pronti a lasciare che gli invasori investissero e saccheggiassero il tempio.
È allora che Sinh, il gatto sacro, salta per mettersi in piedi sulla testa del suo padrone
defunto, di fronte alla dea che scongiurava con uno sguardo dei suoi occhi d'oro. Tsun-Kianksé
non poteva restare indifferente a questa chiamata; mossa dal coraggio di Sinh, lei 
compiuto un miracolo. Il manto bianco del gatto fu istantaneamente tramutato in oro,
mentre i suoi occhi diventavano come i due zaffiri puri che adornavano il
volto della dea. Con le sue dita che toccarono la testa del santo morto, 
il colore impuro della terra si ritirò, per lasciare il posto al bianco più brillante.
Sinh, con gesto ieratico, rivolse uno sguardo imperioso verso la porta del tempio di
Lao-Tsun che i nemici erano pronti a forzare. I kit-tah prostrati, la cui 
il coraggio e l'ardore erano stati ravvivati dal prodigio, poi prese le armi per
respingere gli invasori. La lotta fu aspra e breve: il tempio fu salvato da 
profanazione
Per sette giorni, Sinh vegliava sul suo padrone morto, rifiutandosi di lasciarlo o di andarsene.
della dea anche solo per un momento per mangiare. Alla fine di questo tempo, Sinh him
morì anche lui, portando a Tsun-Kianksé l'anima perfetta del fedele Mun-Ha.
Passarono altri sette giorni, poi i sacerdoti si radunarono per designare colui
di loro che sarebbero succeduti a Mun-Ha. Fu allora che tutti i gatti sacri del
tempio avanzato, venendo da tutti i lati del luogo santo. Tutti avevano sofferto lo stesso 
metamorfosi che Sinh. Lentamente, si incamminarono verso Ligoa, uno dei Kittah, e lo circondarono di rispetto, manifestando la volontà della dea.
Da allora, ogni gatto sacro che muore porta con sé l'anima reincarnata di un prete per la sua eterna permanenza in paradiso. E guai a chi fa del male a un gatto sacro: soffrirà i tormenti desiderati dall'anima turbata che ha offeso.
Da allora anche tutti i gatti sacri portano negli occhi gli zaffiri della dea Tsun-Kianksé; il loro mantello è dorato e il loro viso, la coda e gli arti sono scuri, ad eccezione delle dita, che sono di un bianco immacolato.
Questa leggenda ci fa sognare, portandoci in paesi e tempi in cui comunicavano uomini, animali e dei. Ci spiega anche tutte le peculiarità del sacro della Birmania, in un modo sicuramente diverso da quelli offertici da allevatori o scienziati, ma con tanta poesia!

 

 

 ​

Unknown Track - Unknown Artist
00:0000:00
bottom of page